Home

L'adeguamento dei software 2Bit

Registratori Telematici Agenzia Entrat

Il 1 luglio è ormai arrivato e con il Decreto Legilativo 127/2015 l'adeguamento al Registratore Telematico (RT) è una realtà.

Elenchiamo di seguito alcuni suggerimenti importanti da tenere in considerazione:

  1. Le specifiche di obbligatorietà di attivazione dell’invio dei corrispettivi telematici sono da richiedere al proprio consulente fiscale. Se il consulente vi indica la necessità di attivare la procedura di invio dei corrispettivi potete chiamare il vostro referente commerciale 2Bit per capire se il modello di registratore fiscale in vostro possesso è già abilitato a questa funzionalità.

  2. La normativa entra ufficialmente in vigore dal 1 luglio, ma ci sono state delle proroghe per l’applicazione di eventuali sanzioni. Vi chiediamo di verificare sempre con il vostro consulente fiscale le vostre specifiche.

  3. Con questa normativa sparisce il vecchio scontrino fiscale, che lascerà il posto al documento commerciale (vedi specifica nel punto 3.2 a pag. 4 del documento ufficiale pubblicato dall'Agenzia delle Entrate)

  4. Dal 1 luglio 2019 moltissimi modelli di registrazioni di cassa già abilitati all’invio corrispettivi (i registratori denominati RT)  eseguiranno un cambio automatico di procedura alla mezzanotte del giorno precedente.

La normativa dovrebbe prevedere la stampa automatica di una chiusura fiscale finale, in modalità Scontrino (MF) alle 23.59, seguita dalla conversione in modalità RT immediatamente dopo, con la probabile stampa di documenti da conservare. Ma poiché non tutti i registratori di cassa hanno lo stesso comportamento consigliamo a tutti di chiedere informazioni precise riguardanti la nuova procedura attivata al tecnico fiscalizzatore che vi ha installato il nuovo modello, soprattutto per quelle realtà lavorative che operano anche oltre la mezzanotte.

2Bit si rende disponibile a dare supporto tramite il servizio di assistenza, ma il tecnico fiscalizzatore è sicuramente più adeguato a rispondere ai vostri dubbi in quanto possiede una conoscenza più approfondita dello specifico modello installato presso i vs negozi.


COSA CAMBIA NELL'UTILIZZO DEI NOSTRI SOFTWARE

Le modifiche principali sono:

  1. Non sarà più possibile effettuare operazioni di reso merce dentro la transazione di vendita

  2. L’annullo dello scontrino non è più una procedura manuale da eseguire nel registro dei corrispettivi, ma diviene un'operazione da effettuare sul misuratore di cassa.

  3. Non è possibile stampare le fatture in modalità "fiscale libera" sul misuratore di cassa

Abbiamo sviluppato una specifica procedura per agevolare l'operatore di fronte a queste novità, dando la possibilità di stampare i resi merce secondo il cambio normativo e aggiungendo la funzione di annullo scontrino.

A COSA PRESTARE ATTENZIONE DAL PRIMO LUGLIO NEI SOFTWARE

Per i client clienti con versione di software inferiore a 19.700.1:

  1. Dopo il passaggio della stampante fiscale da MF a RT è vietato fare operazioni di reso merce in transazione! In questo caso, infatti, il misuratore di cassa convertito a RT andrebbe in errore. Suggeriamo temporaneamente di scontare l’importo da rendere sul totale dello scontrino e ricaricare il prodotto a magazzino tramite procedura di rientro merce da backoffice.

  2. Per annullare una transazione fiscale va eseguita una procedura sul registratore di cassa tramite tastierino numerico collegato.

  3. Fate verificare al tecnico fiscalizzatore (anche se probabilmente è già stato fatto) le configurazioni dei reparti iva e delle aliquote iva impostate nel misuratore di cassa. Dal 1 luglio questi saranno i dati inviati all’agenzia delle entrate.

  4. Far verificare al fiscalizzatore anche le configurazioni dei pagamenti, al fine di far confluire tutti i tender impostati nel software nei 3 pagamenti previsiti dal documento commerciale, ovvero:

    1. Contanti

    2. Elettronico

    3. Non pagato

Per i clienti che dispongono già della versione 19.700.1 o superiori: 

Non ci sono le limitazioni dei punti 1 e 2, ma si consiglia comunque di tenere in considerazione i punti 3 e 4 in quanto indipendenti dal software.

Il software gestisce automaticamente la stampa di due documenti separati in caso venga fatta una operazione di vendita + reso contestuale e dispone della nuova funzionalità di annullo scontrino collegata alla esistenti funzioni di storna ed Elimina transazione.

Ricordiamo a tutti che per le versioni di applicativi superiori alla 19.700.1  si dovrà comunque configurare manualmente l’uso dei nuovi registratori di cassa RT andando nell’apposita sezione del software.

Il nostro reparto di assistenza è a disposizione per darvi gli opportuni suggerimenti.


CLIENTI CON EMISSIONE FATTURE DA REGISTRATORE FISCALE

Per i clienti che emettono fattura direttamente dal registratore fiscale è necessario informarsi dal fiscalizzatore se nell’invio telematico sono comprese anche le fatture.

Attualmente, la linea guida prevede di non emettere più fatture in modalità fiscale sul registratore di cassa, ma di emettere una semplice copia non fiscale da lasciare al cliente come “copia di cortesia”, poiché le fatture vengono validate dopo invio allo SDI, e non con l’invio dei corrispettivi telematici.

Diventa quindi necessario stampare le fatture da una stampante non fiscale ("testo libero") o in modalità non fiscale sulla stampante fiscale, onde evitare che all’agenzia delle entrate vengano caricate le fatture sia tramite invio telematico che tramite SDI (processo di fatturazione elettronico).

A tal riguardo è necessario:

  1. Informarsi dal vostro consulente fiscale sulla modalità a voi più consona per l’invio delle fatture dal registratore fiscale e tramite l’invio sul portale

  2. Informarsi dal vostro fiscalizzatore se la stampante fiscale prevede, oltre alla stampa, anche l’invio diretto delle fatture 

Nel caso si renda necessaria la stampa delle fatture in una stampante termica non fiscale potete impostare il sw come da immagini:

Nel caso in cui la stampa delle fatture debba avvenire tramite stampante fiscale, ma in modalità non fiscale sarà invece sufficiente seguire questi passaggi:

In entrambi i casi è bene controllare che l'intestazione sia inserita correttamente in:

Per i clienti con contratto di assistenza attivo, il nostro reparto tecnico è a disposizione per pianificare l’aggiornamento dei software privi delle nuove funzionalità .

Vi chiediamo di contattare l’assistenza tecnica per concordare l’aggiornamento del software consci del fatto che, visto l’enorme numero di clienti che saranno interessati dalla richiesta, ci potrebbero essere dei tempi di attesa non trascurabili nell’accesso al servizio e nella pianificazione dei lavori .

Ricordiamo che il modulo invio telematico dei corrispettivi è una estensione del modulo fatturazione Elettronica. In caso non disponiate del relativo modulo vi esortiamo a contattare il vs referente commerciale.

2Bit SRL utilizza in questo sito cookie tecnici. Cliccando OK accosenti al loro utilizzo. Per saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Se hai meno di 14 anni, il consenso è legittimo solo se autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale. [chiudi]